I figli potrebbero rendervi infelici

Uno degli elementi che più influenzano le nostre vite, e la nostra felicità, è il dare le cose per scontate, o credere a qualcosa perché "lo dicono tutti". Se accettiamo passivamente questi concetti, rischiamo di non ascoltare le nostre sensazioni, o la nostra verità interiore, quando contrastano col "buon senso comune" (che sovente così sensato non è). O di seguire modelli di vita che non sono adatti a noi e che - ovviamente - finiranno col renderci infelici.
Quindi, sarebbe saggio mettere in dubbio le convinzioni che ci circondano, e specialmente quelle che si scontrano con le nostre sensazioni o il nostro modo di essere. Restare fedeli a quello che sentiamo vero per noi, eventualmente anche andando controcorrente, produce più felicità (sulla lunga distanza) che "seguire il gregge" e fare come tutti.

Coppie "appesantite" dai figli

In ambito familiare, uno degli argomenti dati per scontati è quello per cui i figli arricchiscono la vita di coppia, e contribuiscono alla felicità dei genitori. E' una sorta di "mito" (e i miti vengono raramente messi in discussione).
In base a numerose ricerche pubblicate negli ultimi anni, però, le cose potrebbero essere diverse: avere dei figli porta una improvvisa e drastica pressione sul matrimonio. Non che sia una novità in sé, ma le conseguenze possono essere peggiori di quanto ci si attende. In uno studio durato otto anni dell'Università di Denver (USA), sono state osservati questi risultati:
  • Per il 90% delle coppie, la felicità coniugale precipita entro un anno dalla nascita del primo figlio.
  • Le coppie che avevano un livello maggiore di romanticismo, sono quelle che subiscono il maggiore impatto dopo la nascita.
  • Anche le coppie che hanno avuto figli subito (entro un anno dal matrimonio), e quelle col reddito più basso, hanno avuto cali di felicità più significativi.
Quando si parla di figli si tende a pensare alle gioie e soddisfazioni che possono portare. Ma è probabile che la quantità di fatica, impegni, rinunce e sacrifici necessari (su cui si tende a sorvolare) rechi un prezzo elevato, sottraendo tempo ed energie alla relazione tra i coniugi. In pratica, si rischia di essere molto più "genitori" che "coppia".

Naturalmente, questo non implica che le coppie senza figli siano necessariamente più felici: anche loro sperimentano un calo della felicità, ma in modo più graduale. Un ricercatore osserva che "Il declino è in qualche modo normale nel matrimonio" (vedi post "Innamorati per sempre?"); "per le coppie con prole, il declino è più concentrato nel periodo in cui si hanno i figli".

“La felicità coniugale precipita
entro un anno dalla nascita del primo figlio”

Genitori: gioia o fatica?

In un altro articolo (questa volta inglese), il dr. Powdthavee afferma che "Gli scienziati sociali non hanno trovato pressoché nessuna correlazione tra l'avere figli e la felicità. In uno studio recente, genitori e non riferivano il medesimo livello di soddisfazione. Altri studi in Europa e USA, riportano livelli di soddisfazioni significativamente inferiori nei genitori, rispetto alle coppie senza figli".
La convinzione diffusa che i figli rendano felici - ipotizza il dr. Powdthavee - può essere spiegata come una "illusione di focalizzazione". Ovvero, immaginando di diventare madre o padre, ci si concentra sui momenti più significativi e appaganti, credendo che questi ci porteranno una felicità duratura. In realtà questi eventi sono relativamente rari, mentre buona parte del tempo come genitori è assorbito da compiti e impegni quotidiani, molto più frequenti ed assai meno gratificanti; ed è questa miriade di esperienze minute e negative, che finisce con l'influire sui nostri livelli di felicità e soddisfazione.

Ragioni per convincersi

Immagino che queste affermazioni possano suscitare le reazioni contrarie - e veementi - di molti genitori. Non dubito della loro buona fede, però potrebbero stare ingannando se stessi. Come evidenzia questo articolo dello psicologo Daniel Gilbert "La paternità ti rende felice?", i genitori hanno diverse ragioni per autoconvincersi della felicità legata ai loro figli:
  • Quando qualcosa ci "costa" molto (anche in senso fisico o psicologico), tendiamo a convincerci che questo valga il "prezzo" pagato. La Natura ci ha "programmati" per prenderci cura in tutti i modi dei nostri figli, ed è comprensibile razionalizzare tutta quella fatica e concludere di essere ripagati con la felicità.
  • La memoria è dominata dai momenti più intensi, e non dai più frequenti. Quindi tendiamo a dimenticare gli innumerevoli momenti di tedio e fatica, e ci ricordiamo quelli di intensa commozione. I bambini possono non renderci felici di frequente ma, quando accade, ci fanno scordare tutto il resto.
  • Poiché i genitori si trovano spesso a rinunciare a molte attività piacevoli, rinunciano anche a molte fonti di soddisfazione. Quando i figli diventano la principale attività e fonte di soddisfazione, sembrano anche l'unica e la migliore.
Anche qui, l'autore osserva come la maggior parte dei matrimoni inizi felice e diventi progressivamente meno soddisfatta nel corso della vita, specialmente quando i figli sono nella prima infanzia e nell'adolescenza; e che queste coppie ritornino ai livelli di felicità iniziali dopo che i figli siano usciti di casa.
Gli psicologi hanno misurato come si sentono le persone durante varie attività, scoprendo che costoro sono meno felici quando interagiscono con i figli, di quando stiano mangiando, facendo acquisti o guardando la televisione. Occuparsi dei figli sembra dare una soddisfazione simile al fare le faccende di casa.

Altre ragioni "sbagliate" per avere figli

Una possibile illusione dietro alla scelta di procreare, è quello delle coppie in difficoltà, che credono di poter sanare i problemi di relazione con l'arrivo di un figlio. E' più probabile che accada il contrario: le fatiche e le difficoltà di accudire i figli (oggettivamente e inevitabilmente presenti) facilmente possono portare i novelli genitori ad esasperare i problemi già esistenti in precedenza.
Certo alcune coppie potrebbero trovare nell'essere genitori nuovi stimoli e coinvolgimento, ma dare per scontato che "un figlio rende la coppia più unita" è solo un vecchio luogo comune.

In molte persone che desiderano fortemente avere dei figli (specialmente donne, ma anche uomini), questo desiderio sembra nascere dal bisogno di riempire un "vuoto" che avvertono in sé. Oppure dalla voglia di creare una famiglia "sostitutiva" di quella che sentono di non avere avuto, ai tempi della loro infanzia.
Benché ognuna di queste situazioni andrebbe vista come un caso a sé (difficile generalizzare), il rischio è che, partendo da queste basi, il rapporto genitore-figlio possa risultare squilibrato:
  • Da una parte, nessuno può realmente riempire il nostro vuoto interiore, né un amore nè un figlio (possono contribuire, ma non risolverlo; è qualcosa di cui bisogna prendersi cura in prima persona).
  • Dall'altra, questi bisogni fanno sì che si "scarichi" sul figlio un "peso" che non gli compete, una responsabilità schiacciante: egli sentirà di "dover rendere felice il genitore" e, non riuscendoci (vedi punto precedente), patirà sensi di colpa e inadeguatezza.
Insomma, per quanto questi bisogni siano comprensibili, rendono difficile una relazione "sana" tra genitori e figli.

“L'illusione di risolvere i problemi di relazione
con l'arrivo di un figlio”

Chi è più egoista?

Un'accusa rivolta spesso a chi non vuole avere figli è quella di "egoismo". Ma le cose non stanno proprio così. A parte il fatto che i figli, in generale, si mettono al mondo per ragioni di soddisfazione personale (vedi paragrafo precedente), alcune ricerche mostrano come l'assenza di figli renda più generosi e altruisti:
  • Il 42% delle fondazioni filantropiche sono state create da persone senza figli.
  • Nel 2014, il 48% delle persone sposate senza figli ha inserito nel proprio testamento una donazione ad enti benefici.
    In confronto, solo il 12% dei genitori e l'8% dei nonni ha fatto lo stesso.
Questo è del tutto comprensibile, se consideriamo che il primo imperativo di un genitore è occuparsi del benessere della propria progenie. Ma al tempo stesso indica che, per certi versi, l'essere genitore renda più egoisti (in fondo i figli vengono visti come estensioni di sé, quindi fare qualcosa per loro è quasi come farlo per se stessi), a discapito della solidarietà verso la società nel suo insieme.

Una scelta molto personale

Riportando queste informazioni non intendo certo affermare che i figli rendano infelici. Ma voglio svelare le illusioni dietro il "mito", e suggerire ai potenziali genitori di considerare l'ipotesi con maggiore consapevolezza.
Invece di seguire la convinzione comune che avere figli sia la cosa giusta e migliore per tutte le coppie, magari alcuni potrebbero scoprire che non è un ruolo adatto a loro - o che non lo è ancora. Ricordiamoci sempre che la felicità è un percorso personale, per cui non esistono ricette universali.

Inoltre, bisogna considerare anche elementi positivi che possono sfuggire alle ricerche, quali la soddisfazione di crescere una famiglia, una sensazione di scopo e di maggiore significato, l'esperienza di un tipo speciale di amore.
Un blogger fa una metafora mirabile dell'esperienza genitoriale, con i suoi estremi positivi e negativi, scrivendo che essere genitori è come il rapporto con l'eroina: "Quando è positivo, è un'assoluta beatitudine. La miglior droga mai esistita. Quando è negativo, è miserevole - non pensi che sia possibile sentirsi più miserabili di così, e ti chiedi perché mai tu abbia iniziato".
Insomma, è una scelta davvero personale, che può includere un'ampia gamma di esperienze, dal meraviglioso all'orribile. Una scelta che andrebbe fatta senza farsi influenzare da pressioni esterne o luoghi comuni.

Infine, si potrebbe concludere che i figli andrebbero voluti "per se stessi", non per i presunti benefici che si crede ci potrebbero recare. Poiché in molti casi - come abbiamo visto - l'esperienza di essere genitori si rivela diversa da quello che ci si aspettava.

"Con i figli non si è mai più felici come lo si era senza."
(William Faulkner)


Articoli correlati

Altri post con argomenti collegati (descrizione: fermate il puntatore sul link)

9 commenti :

  1. salve, è esattamente quello che penso io.

    Già mi sono sentita dire le solite frasi-fatte:

    - "sei una donna, sei nata per avere figli..."
    - "come puoi non volerne? I bambini sono così carini...." (come se restano bimbi per sempre)

    - "volete rimanere soli?"
    - "poi in coppia ci si annoia....senza figli.."
    - "il figlio lega la coppia"
    - "i figli si fanno da goivani"
    - "poi la coppia si lascia...."

    -"sei egoista" (come se per essere generoso hai come unica possibilità fare un fgilio; se non lo fai, indipendentemente da chi sei e cosa fai nella tua vita, sei un egoista)
    - in realtà li vuoi, ma hai paura...
    - hai qualche trauma...

    ecc.

    Credo anche io siano tutti luoghi comuni.
    E credo anche che tanta gente faccia figli proprio seguendo queste frasi-fatte, infatti poi li vedi privi di entusiasmo e di voglia di stare coi figli, tanto che osservandoli ti vien da dire "scusa ma perchè li hai fatti? poverini, si vede che non sono voluti".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, sono d'accordo con le tue osservazioni.
      Fermo restando che la maternità/paternità può essere un'esperienza meravigliosa ("può", non necessariamente "è"), essa non può essere nè un destino nè un obbligo; se i figli diventano un "dovere", è anche difficile amarli come meritano.

      Le persone di cui parli, che si riempiono la bocca di luoghi comuni (e li riversano sugli altri), sono in genere persone che vivono "in automatico" (seguendo quello che fanno tutti gli altri), e/o persone insicure (che si sentono minacciate da chi vive diversamente dalle loro "regole").
      Acuta e pertinenente la tua ultima osservazione: quelli che procreano "perché si fa così", poi difficilmente diventano genitori sereni e amorevoli. Se i figli non sono una vera scelta, poi facilmente si patiscono (anche se è difficile ammetterlo).

      Molti dei commenti che tu riporti, inoltre, sembrano nascere da una essenziale insoddisfazione o sfiducia nella relazione di coppia (la paura di restare soli in due, di annoiarsi, di perdersi, di lasciarsi...). In casi come questi, i figli diventano un'ipotetica "ancora di salvezza" a cui ci si aggrappa.

      Infine, l'accusa di egoismo è la più ridicola: chi ci accusa di egoismo, per lo più, si lamenta perché non viviamo come dice lui. Il che è una forma notevole di egoismo ("Vivi come dico io, così mi fai contento").
      Senza contare che, su un pianeta affollato da 7 miliardi di individui, non farne altri mi sembra molto più benefico per tutti, del contrario.

      "L'egoismo non consiste nel vivere secondo i propri desideri, ma nel pretendere che gli altri vivano a quel modo che noi vogliamo."
      (Oscar Wilde)

      Elimina
  2. credo che nel desiderio di avere figli c'è spesso, in molte persone che per le ragioni più disparate si sentono incomplete, la speranza di qualche potere magico che le cambi e le faccia diventare le persone che vorrebbero diventare.
    Questo non è limitato ai figli, credo sia un antico sogno duro a morire nella testa di molte persone : la speranza che un semplice evento, avere figli, perdere peso, andare a vivere in Australia, ti risolva la vita e che da quel momento in poi sarai una persona diversa.
    Solo che se ti rendi conto che anche in Australia sei sempre la stessa persona di prima, le conseguenze del tuo errore di valutazione riguardano solo te, se metti al mondo un figlio la cosa è un po più complicata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te: è quella che chiamo la sindrome del "Sarò felice quando...", che affligge chi non sa stare bene nel qui ed ora, e spera sempre in qualcosa che lo renderà felice (o gli risolverà la sofferenza) in futuro.
      E, come dici tu, anche fare figli a volte ricade in questa sindrome.

      Elimina
  3. Un figlio è la materializzazione dell'amore tra due persone. Un figlio è un desiderio naturale e forte di diventare ''una sola carne,'' è la prova tangibile di un sentimento meraviglioso. Sicuramente i figli comportano sacrifici , rinunce , talvolta frustrazioni ma quello che si riceve in cambio, compensa anzi eccede di gran lunga tutto ciò che è stato dato. Solo chi ha figli può comprendere la felicità che si prova, per il resto si possono elaborare tutte le teorie che si vuole! Non esiste realizzazione più grande di avere un figlio, soprattutto per due persone che si amano alla follia. Sono molto realista quando asserisco ciò, poiché ho due figli di 13 e 9 anni e se potessi , data anche la giovane età, in nome dell'amore che provo per mio marito ne farei un altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che i tuoi figli ti diano tanta gioia. Certamente questo è vero per molti genitori.
      Ma quello che è vero per qualcuno, può non essere vero per altri; altrimenti, tutti avremmo gli stessi gusti e faremmo le stesse scelte.
      Oltre che per amore i figli si fanno per tanti motivi: per noia, per senso di vuoto, per sentirsi amati da loro, perché la relazione è in crisi, per pressioni esterne, o per banali "incidenti di percorso".
      Poiché siamo tutti diversi e la vita ha tante sfumature, anche l'esperienza dei figli è variegata (come qualsiasi altra esperienza): non sempre rendono felici, e non sempre migliorano la vita.
      Mai, MAI pensare che quello che funziona per te, deve funzionare per chiunque.
      Non esiste una via per la felicità che funziona per tutti: ognuno deve trovare la propria.

      Elimina
    2. Non credo che quello che funziona per me debba funzionare per tutti, ma per fortuna non è qualcuno ma la maggior parte dei comuni mortali che intende l'esperienza della genitorialita' come la intendo io, o meglio le conferisce lo stesso valore . E per fortuna altrimenti l'umanità si estinguerebbe. Potrei attingere alla psicanalisi per cercare di spiegare posizioni come la sua , che onestamente mi incutono un profondo senso di tristezza e solitudine . Sia chiaro ,nutro un profondo rispetto per le opinioni degli altri e ne prendo atto ,ma per favore, non fate passare l'eccezione come la regola. Saluti.

      Elimina
    3. appunto quello che funziona per altri non funziona per me..ed infatti sono sempre stata convinta di non volere figli ma purtroppo mi sono lasciata convincere da mio marito a fare questo passo, sono passati 4anni da quando è nato nostro figlio bello,sano e intelligente ma per me non è cambiato niente riguardo i miei sentimenti, gli voglio bene ma non come mio figlio ma come un'altra persona distaccata da me..estranea a me.

      Elimina
    4. Sai, credo che i genitori in situazioni simili alla tua siano più di quanto si pensi... ma di rado lo ammettono, magari neanche a se stessi. Purtroppo la "mitizzazione" dei figli lo rende un argomento che pochi sanno affrontare in modo lucido e razionale. E questo può anche portare gravi sensi di colpa in chi si scopre privo di quell'istinto materno (o paterno) che la nostra cultura dà per scontato - quindi quasi un obbligo.
      La realtà è che non tutti siamo nati per fare i genitori (a dispetto della capacità biologica di procreare, che è cosa diversa). Come scrivo spesso siamo tutti diversi, quindi non esistono cose che siano giuste per tutti, o che siano positive per chiunque - e questo include anche i figli.

      Elimina

(vedi le linee guida per i commenti)



Licenza Creative Commons
© 2017 Valter Viglietti. Psicofelicità è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.